Caricamento

Attendere prego...
Tributaria Italia S.p.A. Riscossione Coattiva
Home   Chi Siamo   Servizi   Prodotti   Contatti   Corsi di Formazione   Accesso Enti

04/09/2007 - Riscossione Coattiva Riscossione Coattiva

La riscossione coattiva delle entrate tributarie e patrimoniali degli Enti Locali assume forme e modalità diverse a seconda del soggetto che attua l'azione di recupero del credito.
Per effetto del d.lgs. 15.12.1997, n. 446, ogni Ente può decidere di gestire direttamente la fase di riscossione coattiva delle proprie entrate, o di affidarla ad uno dei soggetti di cui alla lettera b) dell'art. 52, quali:
  • aziende speciali;
  • società miste affidatarie della gestione di pubblici servizi;
  • società per azioni o a responsabilità limitata a prevalente capitale pubblico locale;
  • soggetti iscritti all'albo indicato dall'art. 53 del D.Lgs 466/97 - il caso di TRIBUTARIA ITALIA.

Solo in mancanza di una scelta, la riscossione è demandata ex legge al concessionario di cui al D.P.R. 28.1.1988, n. 43, esattore, che agisce tramite ruolo.
Tributaria Italia, in qualità di soggetto iscritto all'Albo Nazionale per la gestione e la riscossione delle entrate comunali fornisce il servizio di riscossione coattiva tramite ingiunzione di pagamento, procedura prevista dal Regio Decreto n° 639/1910.

A differenza del ruolo, i cui effetti si ottengono a distanza di anni, con il metodo ingiuntivo la procedura di riscossione inizia non appena decorso senza esito il termine di scadenza per il pagamento del tributo e/o dell'entrata patrimoniale; termine indicato in appositi atti quali ad esempio gli avvisi di accertamento, i verbali di contravvenzione o gli atti di messa in mora. Tramite la presente procedura l'intero ciclo di riscossione coattiva viene concluso in un tempo compreso tra gli otto e i dodici mesi. Tale attività viene svolta per gli Enti Locali da personale altamente qualificato e con metodologie operative che tengono conto del delicato rapporto tra Ente impositore (Comune, Provincia, ecc.) e contribuente.

La procedura consta di due fasi distinte:

1° fase

  • verifica dell'esigibilità del credito.
  • stampa eventuali solleciti di pagamento

 

2° fase

  • completata l'attività di cui alla fase precedente ed alla luce dei risultati ottenuti, Tributaria Italia S.p.A. notificherà le istanze di ingiunzioni, così come previsto dall'art. 52 comma 6, D.Lgs 15/12/1997 n° 446.
  • Decorsi 30 giorni dalla notifica delle istanze di ingiunzioni, si attiveranno, a norma dell'art. 4 D.L. 24/9/2002 n°209, convertito in legge dalla Legge 22/11/2002 n°265, tutte le procedure previste nel titolo II del Decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973 n° 602.